uilt-teatro

uilt teatro

PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 11 Maggio 2011 21:26
UILT_TEATRO

Dal DISCORSO DI PARDO MARIANI -TENUTO A RADIO MONTECARLO -IN DATA 9 MARZO 1981  ORE 17

… innanzi tutto terrei a precisare che l’Arte  racchiude in sé ogni forma di estrinsecazione o esteriorizzazione dello spirito a  qualsiasi livello lirico,figurativo ,musicale. Pertanto ben possono accompagnarsi  letteratura, pittura e musica , in un’unica simbiosi ,cioè quella della eterna liricità del momento della composizione , come l’incontro delle tessere  di uno splendido mosaico .Ciò , penso che sia proprio quello che nell’opera di Lucio D’Orazi  ho  voluto realizzare. Infatti la fantasia  del pittore ,spaziando fra le splendide frasi che si leggono nel componimento ,trae gli spunti per la realizzazione dell’immagine simbolica , trasponendo in esse la sua personalità e fondendola  pertanto con la spiritualità dell’autore del libro. La  misticità del componimento ,infatti si rispecchia nella raffigurazione del Papa Giovanni Paolo II raccolto in preghiera ai piedi della  Madonna Regina del mondo ,che è simboleggiato dalle montagne nello sfondo della rappresentazione stessa. Da ciò è evidente  che la frase di per sé stessa è la base per la raffigurazione ,quindi ben possono  , la letteratura  e la pittura fondersi in un’unica opera d’arte. Tengo a precisare che la mia pittura ,definita pittoscultura ,non è altro che l’insieme di simboli ,che scaturiscono dalle sensazioni  che la vita quotidiana imprime nel mio spirito proprio come dal testo in questione  alle mie idee . Cioè ho ricevuto gli stimoli idonei alla realizzazione delle immagini . In Questa sede vorrei ringraziare l’autore del libro “Noi Giovanni Paolo II “ ed-Ponte Nuovo –Bologna ,per avermi dato agio di raffigurare il suo scritto e nel contempo  di aver potuto sottolineare ,in particolar modo nel  momento in cui vive oggi la nostra società ,quanto sia necessario in un individuo l’esigenza di ricercare i valori morali ,che sembrano perduti  ,proiettandoli verso un futuro migliore.(Pardo Mariani)